Grafene a prova di fiamma.

Directa Plus di Como ha brevettato un filato a base di grafene con proprietà antifiamma.


Un tessuto antifiamma a base di grafene. È l’ultimo brevetto di directa plus  di Como, primo produttore europeo e quarto a livello mondiale del materiale innovativo. Il brevetto, depositato negli Stati Uniti (è il sedicesimo per l’azienda), si chiama Flame retardant composition comprising graphene nanoplatelets e promette di rivoluzionare il settore del tessile.

I tessuti trattati con il particolare grafene dell’azienda comasca hannoproprietà antifiamma (solitamente ottenute con additivi o trattamenti chimici spesso poco sostenibili) e risultano atossici, dermatologicamente tollerabili e ipoallergenici. Il nuovo prodotto brevettato da Directa Plus sembra essere più sicuro, per la salute e per l’ambiente.

“Una novità assoluta per il settore”, spiega Giulio Cesareo, fondatore e amministratore delegato di Directa Plus. Del resto, il grafene è ormai da tempo considerato il materiale del futuro. “È una tecnologia abilitatante, in grado di conferire nuove proprietà o di migliorare le proprietà di materiali esistenti”, aggiunge l’ad.

E le sue applicazioni sono davvero moltissime.“In Directa Plus abbiamo deciso di focalizzarci principalmente su due ambiti applicativi, l’ambiente e il tessile, restando aperti ad applicazioni specifiche anche nei settori degli elastomeri, dei materiali compositi e delle batterie agli ioni di litio”, continua il fondatore.

Fondata nel 2005 Directa Plus crea i propri prodotti a base grafene nelle officine del grafene di Lomazzo, vicino Como, il più grande impianto europeo per la generazione di fogli di grafene altamente puro.

il grafene prodotto nelle officine di Lomazzo viene già impiegato per abbigliamento sportivo e da lavoro per via delle sue proprietà di conducibilità termica, che permettono  di raggiungere un elevato comfort termico. Ora però, la possibilità di conferire anche proprietà antifiamma apre ulteriori possibilità. “I tessuti antifiamma con grafene sono ideali in tutte le situazioni a rischio di incendio o in cui avviene un’esposizione a fiamme libere o alte temperature”, racconta Cesareo. “I campi di applicazione spaziano quindi dal workwear in diversi ambiti, agli sport motoristici, fino al tessile per l’arredamento di hotel e luoghi pubblici”, precisa.

L’obiettivo ora è dunque quello di attivare convergenze tecnologiche con il mondo del tessile. 

 

fonte: wired 

News precedenteNY Fashion week men's.
News successivaCommes des garçon la stilista più influente del ...