Soybean Protein Fiber.

Soybean Protein Fiber.


Soybean Protein Fiber, una fibra tessile derivante dalla soia post-oliatura. Partendo dalla soia distillata e raffinata, viene estratta una proteina sotto forma di liquido. Questo viene sottoposto a polimerizzazione che ne modificano la struttura e in seguito viene cotto per produrre filato. Il materiale ottenuto dalla cottura viene tagliato e termoformato. Gli scarti che derivano dalla produzione della fibra vengono utilizzati come mangime, mentre il tessuto ottenuto risulta morbido, permeabile all’aria e all’umidità.

Soia, ma anche mais per produrre la Corn Fiber, materiale ecologico ottenuto dallo zucchero del mais. Tramite alcune lavorazioni, dallo zucchero di mais, amidi e legumi, si ottiene l’acido poliattico, un polimero che produce tessuti resistenti all’umidità, al calore e traspirante. I residui della lavorazione vengono utilizzati per diventare fertilizzanti. C’è però una negatività: il tessuto risulta delicato e leggermente rigido. Per questo e per la capacità di isolare è indicato per essere utiizzato anche in campo edile,nei cappotti, negli intercapedini interni e nei solai. Nell’abbigliamento, risulta utile per imbottire materassi, cuscini e divani.

Dagli alimenti vegetali ai crostacei il passo è breve: dagli scarti dei gamberi infatti viene estratto il chitosano, che mescolato a fibre come lino, cotone e lana crea un tessuto ecologico. Antiallergico e biodegradabile, il Craybon è permeabile all’aria, assorbe l’umidità e protegge la pelle dalle allergie. È indicato per indumenti intimi, per adulti e bambini, per tessuti medici e materassi.

Previous newsOrange Fiber
Next newsNY Fashion week men's.